Cibo italiano 2018, da ministri mancanza di rispetto per Federcuochi

27 febbraio 2018, ore 13:02


I Ministeri delle politiche agricole alimentari e forestali e dei beni culturali e del turismo hanno recentemente decretato il 2018 come l’Anno nazionale del cibo italiano. Una iniziativa, sulla carta, assolutamente lodevole ma che, nella pratica, presenta alcune incongruenze. Ad esempio i ministri Franceschini e Martina non hanno coinvolto nella organizzazione dell’evento la Federazione italiana cuochi, realtà presente su tutto il territorio nazionale con una rete associativa fitta e capillare. Una associazione, che rappresenta oltre 20mila cuochi, che quotidianamente sostiene lo sviluppo, la promozione e la formazione della attività culinaria e la valorizzazione delle eccellenze enogastronomiche del Belpaese. Esprimo, dunque, tutta la mia personale indignazione per il mancato inserimento della Federcuochi nella commissione a nomina eletta dai Ministri Martina e Franceschini. Sono, altresì, convinto che la Federcuochi proseguirà con ancora maggior determinazione il virtuoso percorso di valorizzazione del cibo italiano.