“Le istituzioni competenti non sottovalutino il monito, lanciato quest’oggi dal garante dei detenuti del Lazio sulla precaria condizioni delle nostre carceri, dove il tasso di sovraffollamento è del 120% rispetto alla portata regolamentare. Dati impietosi a cui, in alcuni casi, si unisce la carenza numerica del personale penitenziario. È necessario, dunque, che gli organi preposti intervengano immediatamente nella convinzione maturata che una buona accoglienza del detenuto e il suo benessere durante il periodo di detenzione dipenda pure dalle migliori condizioni di lavoro di chi è deputato al suo controllo e assistenza. Al contempo, non è più rinviabile una riforma dell’ordinamento penitenziario”. Così il consigliere regionale del Lazio e coordinatore FI Provincia di Roma, Adriano Palozzi.

Pubblicato in Home Page