Lunedì, 18 Aprile 2011 09:46

Marino/comunali: Palozzi, «Dobbiamo vincere al primo turno»

Castellinews, 15 Aprile 20011

Gremita piazza San Barnaba
adriano_comune.jpgMarino/comunali: Palozzi, «Dobbiamo vincere al primo turno» Al via la campagna elettorale È iniziata ufficialmente con un abbraccio alla città la campagna elettorale del Sindaco e della Coalizione dei Moderati per la rielezione a palazzo Colonna Redazione Marino/comunali: Palozzi, «Dobbiamo vincere al primo turno» (Marino - Politica) - Dall'emergenza ai servizi. È iniziata ufficialmente con un abbraccio alla città e la voglia di cambiare marcia fra soli trenta giorni per entrare nel suo secondo mandato la campagna elettorale di Adriano Palozzi e della Coalizione dei Moderati per la rielezione dell'attuale primo cittadino a Palazzo Colonna. Una piazza San Barnaba colma di oltre mille persone, bandiere delle forze politiche che lo sostengono ma soprattutto tricolori ha sfidato il maltempo per rispondere al primo appello del sindaco che si candida sempre
di più ad essere il sindaco di tutti. Un comizio che arriva alla fine di una giornata importante per la Coalizione dei Moderati che nella giornata di oggi ha presentato otto liste, una in più rispetto alle sette che sono comparse in tutti questi mesi sui manifesti. A Pdl, Udc, Fli, Api, Idee nuove con Palozzi Sindaco, Costruiamo il Decentramento e Uniti per Marino si è infatti aggiunta Forza del Sud, il neonato partito dell'ex leader azzurro siciliano Micciché approdato in questa tornata elettorale anche a Marino. «Dobbiamo vincere al primo turno per spazzare via definitivamente dalla storia di Marino il passato di amministratori che non hanno saputo governare e che anche oggi sono uniti solo nel parlare male e dirne di tutti i colori su di me». Il sindaco Palozzi, però, parla al cuore della città «anche dei tanti che non la pensano come me ma che mi stanno sostenendo con un affetto particolare» sottolinea. Un particolare che dà a Palozzi la forza di attaccare ancora la coalizione del principale avversario, Ugo Onorati che «ha fatto il sindaco fortunatamente per pochi mesi e oggi si ritrova ad essere nuovamente candidato da una coalizione riammucchiata che è formata dalle stesse persone che l'avevano fatto cadere».
A salutare la ricandidatura di Palozzi i consiglieri regionali Paris e Perazzolo, il segretario provinciale dell'Api, Lippiello, gli assessori regionali Mattei, Di Paolo e soprattutto il Vicepresidente della Regione Lazio e assessore regionale all'urbanistica, Luciano Ciocchetti che ha colto l'occasione per annunciare l'approvazione definitiva in giunta del protocollo che porterà finalmente allo spostamento di 200mila metri cubi di cubatura da Santa Maria delle Mole. «Si faranno prima i servizi sulle assi viarie Ardeatina e Appia. Si farà il sottopasso ferroviario e la stazione stessa sarà spostata. Non si procederà a nuovi insediamenti senza prima aver dato vita ai servizi» ha annunciato tra molti applausi Ciocchetti. Una notizia che ha dato modo al sindaco Palozzi di ricordare ancora una volta come «quelli del passato scrivono sui manifesti che in questi cinque anni c'è stata la colata di cemento ma sono stati loro a votarla con il Piano Regolatore per tutelare gli interessi dei loro amici, mentre io e gli alleati di centrodestra allora all'opposizione chiedevamo la revoca di quel Piano troppo invasivo. Abbiamo pubblicato le delibere per chiarire la storia una volta per tutte». Oltre l'urbanistica l'ospedale e la crisi sanitaria: «Per arrivare allo spostamento della cubatura che avevo proposto anche alla giunta Marrazzo ho dovuto aspettare l'arrivo di Luciano Ciocchetti all'assessorato all'Urbanistica. Marrazzo diceva che non si poteva fare perché evidentemente aveva la testa altrove». Così sulla sanità: «Onorati e le opposizioni sono arrivati addirittura a sperare che il pronto soccorso non riaprisse anteponendo i loro interessi elettorali alla salute della città. Invece – ha confermato il sindaco – i lavori sono partiti e procedono spediti. Entro l'estate il Pronto Soccorso sarà riaperto e sarà molto meglio di quello che c'era prima. All'ospedale di Marino tornerà anche la cardiologia e ci sarà la terapia intensiva. Renata Polverini, insomma, che con molta onestà intellettuale, premettendo che non ci sarebbero state marchette politiche sulla sanità, ha valutato oggettivamente e ha mantenuto l'impegno». L'impegno che invece Palozzi ha chiesto in conclusione ai suoi è quello di «mettere le gambe in spalla in questi trenta giorni che ci separano dal secondo mandato». Trenta giorni che separano Marino dall'unico futuro possibile grazie alla coerenza, alla concretezza e alla continuità della giunta Palozzi e della nuova Coalizione dei Moderati pronta a governare la città per i prossimi cinque anni. Modificato il: 16.04.2011 alle ore 9:35
Ultima modifica il Mercoledì, 19 Aprile 2017 15:30