Lunedì, 14 Marzo 2011 14:09

Marino, Palozzi: sull’arredo urbano Onorati è in malafede

Castellinews.it 14 marzo 2011
il-sindaco-di-marino-adriano-palozzi-e12989065414301.jpgIl candidato di centrosinistra irride i fatti dell’Amministrazione Palozzi voluti dai cittadini

“DIFENDIAMO IL NOSTRO ARREDO URBANO DAGLI SPOT BRUTTI E IN MALAFEDE DI ONORATI” Palozzi: “I cittadini sanno che è stato Onorati ad approvare con decisione e definitivamente il Prg che oggi contesta. Per questo la smetta di travestirsi da ragazzo della via Gluck fuori tempo massimo” “Ugo Onorati non ha più l’età per fare il ragazzo della via Gluck, sperduto, spaesato e innocente tra il cemento che cresce” dichiara Adriano Palozzi, sindaco di Marino, candidato alla rielezione per la Coalizione dei Moderati. “E’ bene che la città ricordi, come ha recentemente fatto anche il vicepresidente della Regione Lazio, Luciano Ciocchetti – prosegue Palozzi - che l’anima candida alla guida del sedicente nuovo centrosinistra, è stato in realtà il sindaco che nel biennio 2003–2005 ha favorito con gesti politicamente forti l’approvazione definitiva del vigente Piano Regolatore, quello che loro, le stesse persone che c’erano allora in Consiglio comunale, oggi chiamano colata di cemento”.
 “Anziché sputare stupide sentenze tramite gli spot senza contraddittorio e pure senza troppo senso che compaiono su Cinque Giorni, quotidiano più che vicino alla famiglia del commissario Montalbano, Onorati farebbe bene a prendersi con onestà la propria sostanziosa fetta di responsabilità politica. La stessa che, senza remore, si presero in quel maggio 2004 allorquando, nel medesimo Consiglio, bocciarono la proposta di revoca del Prg, avanzata dalla mia coalizione di allora, per procedere spediti e orgogliosi all’approvazione in via definitiva del Piano con la loro sola maggioranza, in quanto io e i miei alleati abbandonammo l’aula per protesta”. “Questi sono i fatti trascorsi lontani dalle elezioni ma avvenuti proprio ad opera di Onorati & Co. Per questo non accettiamo più lezioni da questo candidato già sindaco di Marino. La nostra città, infatti, non è certamente ancora perfetta” conclude Palozzi. “Non l’abbiamo mai detto proprio in nome di quell’onestà intellettuale alla quale, a differenza d’altri teniamo molto, ma di sicuro è necessario riconoscere che è certamente più libera e più bella di come ce l’avevano lasciata Onorati e i suoi. Noi, per questo, guardiamo al futuro: ripartendo anche da un buon arredo urbano con aiuole,fiori e panchine nuove. La città, infatti, ci chiede anche questo. A rimuginare sul passato, anche con qualche spot fatto male e in cattiva fede, lasciamo volentieri Onorati e i suoi che magari, chissà, ritroveranno tutta la memoria che quotidianamente fanno finta di
aver perduto per strada”.
Ultima modifica il Mercoledì, 19 Aprile 2017 15:30