Stampa questa pagina
Lunedì, 04 Ottobre 2010 11:31

PIANO REGIONALE SANITARIO: ALL’OSPEDALE DI MARINO TORNA IL PRONTO SOCCORSO

1 Ottobre 2010 Ufficio stampa Comune di Marino
san-giuseppe-ospedale-marino-300x2251.jpg
Presto trasferiti all’interno del nosocomio marinese anche i reparti cardiologia, rianimazione, unità coronarica, ortopedia, breve osservazione e traumatologia.

Palozzi: “Abbiamo mantenuto l’impegno assunto in campagna elettorale. Sbugiardato chi, fino all’altro ieri, andava ancora dicendo in giro il contrario”.
Guerra: “Merito della capacità di mediazione e della tempestività del nostro Sindaco Palozzi”.

Sessantacinque posti letto in più, con il ritorno di unità operative complesse quali cardiologia, unità coronarica, ortopedia e traumatologia, osservazione breve, rianimazione e pronto soccorso. Queste, in sintesi, le specializzazioni che, entro brevissimo tempo, saranno a disposizione presso l’ospedale San Giuseppe di Marino, secondo il nuovo piano di riordino della sanità regionale. Firmato ieri dalla Presidente Renata Polverini, che è rimasta sempre in costante contatto con il Sindaco Adriano Palozzi, insieme alla Governatrice del Lazio uno dei principali artefici dell’importante risultato conseguito, il nuovo assetto del servizio sanitario conferisce così al nosocomio marinese, un rinnovato ruolo centrale e strategico nel panorama dell’assistenza ospedaliera. locale. Una grande soddisfazione per l’Amministrazione tutta, da sempre in campo per riportare la struttura ai livelli che le competono, e per la Città di Marino, dopo anni di incertezze e instabilità che avevano originato timori in merito al futuro del nosocomio. La Regione Lazio, nella redazione del Piano, ha tenuto conto, oltre che della localizzazione della struttura, anche degli investimenti effettuati o in corso con finanziamenti pubblici, della ricettività complessiva, compresa l’area parcheggio e della disponibilità e accessibilità reale delle sale operatorie. Tutti requisiti a disposizione della struttura marinese che, recentemente oggetto di una complessa e totale opera di riqualificazione, sarà potenziata e presto reinserita nella rete delle strutture di emergenza del territorio, acquisendo, di diritto, la qualifica di ospedale di 1° livello e sede di pronto soccorso con posti letto. Finalmente dichiara entusiasta il Sindaco Adriano Palozzi : è arrivata la notizia che stavamo tutti aspettando. L’ospedale di Marino torna a risplendere, dopo momenti difficili, le continue voci di chiusura che avevano reso incerto il suo destino, gli anni di paura e di incertezze che stavano portando il San Giuseppe a un lento ed inesorabile declino. Oggi, con il piano di riordinosanitario della rete ospedaliera firmato dalla Presidente della Regione Lazio Renata Polverini, la situazione è completamente e fortunatamente cambiata.
Il nostro nosocomio – continua Palozzi torna a rivestire un ruolo di centralità nella politica sanitaria del Lazio grazie alla riattivazione di alcuni fondamentali reparti come la rianimazione, la cardiologia, l’unità coronarica e la traumatologia oltre alla riapertura del pronto soccorso e a 65 posti letto inpiù. Gli impegni che avevo assunto in campagna elettorale sono stati assolutamente mantenuti grazie all’intenso rapporto di collaborazione che mi ha costantemente tenuto in contatto con gli uffici tecnici regionali e con la stessa Renata Polverini. Siamo riusciti, tra persone serie e coscienziose, a seguire un ragionamento logico e non solo di parte, tenendo conto degli importanti cambiamenti infrastrutturali in atto, come il nodo Squarciarelli, che rendono l’ospedale di Marino più baricentrico e più facilmente raggiungibilerispetto alle altre strutture ospedaliere dell’hinterland castellano. Il nostro e quello di tutta l’Amministrazione Comunale di Marino è stato un impegno costante, lontano dai clamori giornalistici, durato cinque anni e conclusosi con il finale che tutti ci auguravamo, nonostante qualcuno cercasse ancora di agitare il clima con inutili e infondati allarmismi circa il futuro del “San Giuseppe”. I fatti hanno di gran lunga smentito le affermazioni di certi personaggi del centrosinistra locale, che negli ultimi giorni non avevano perso occasione di sparare stupidaggini, e dato conferma a quella che era la nostra volontà: restituire ai marinesi e ai cittadini dei Castelli Romani una struttura funzionale e all’avanguardia. Vale la pena ricordare – conclude Palozzi che l’ospedale di Marino era stato ridotto ai minimi termini dalla precedente giunta regionale di centrosinistra guidata da Marrazzo e che oggi, grazie al lavoro mio e di Renata Polverini, è tornato a rivestire un ruolo di primissimo piano. «E’ una grande soddisfazione dopo i quattro anni e mezzo di lavoro, che insieme al Sindaco Palozzi, ci hanno visto sempre in prima linea nella tutela del nostro ospedale - dichiara Salvatore Guerra, Assessore alla Sanità - Finalmente, grazie al nuovo piano sanitario, il San Giuseppe avrà quello che gli compete di diritto già da tempo, tornando ad assumere un ruolo centrale nella sanità dei Castelli Romani. Anche attraverso la fruibilità dei servizi al suo interno e alla sua qualità strutturale, conquistata grazie ad un complesso e lungo intervento di riqualificazione, reso possibile dai finanziamenti concessi dalla Giunta Regionale del Presidente Storace in base all’ex articolo 21. Risorse finanziarie che – precisa l’Assessore – stavano per essere perse se il Sindaco Palozzi, nel 2006, appena insediato a Palazzo Colonna, non fosse intervenuto personalmente. Nonostante il San Giuseppe, in questi ultimi anni, sia stato svuotato di molte delle sue attività interne, insieme al Sindaco Palozzi non c’è stato mai un momento di cedimento o dubbio circa il suo futuro. Un lavoro capillare – continua – che grazie all’intervento della Presidente Polverini, intelligente interprete delle esigenze del territorio, porterà il San Giuseppe a riconquistare l’importanza ed il prestigioso ruolo assunto già in passato».

Marino, L’Ufficio Stampa
Ultima modifica il Mercoledì, 19 Aprile 2017 15:30