Giovedì, 18 Marzo 2010 19:56

Elezioni, la Regione valuta il rinvio: “Decideremo con il Governo”

Roma Today 18 Marzo 2010

regione_lazio_0701.jpgEntro 36 ore Sgarbi presenterà la richiesta di rinvio. Berlusconi non sarebbe d'accordo, ma lui dice: "Non tocca al premier decidere su questo. A meno che non siamo in un regime
"
 
Rinvio sì, rinvio no. Per i candidati alla Regione Lazio, a 10 giorni dal voto, incombe concreto lo slittamento a causa della riammissione della Lista Sgarbi che potrebbe richiedere del tempo aggiuntivo, 15 giorni, per svolgere campagna elettorale. Tutto sarà più chiaro entro 36 ore. Questo infatti il tempo a disposizione di Vittorio Sgarbi per presentare la richiesta di rinvio. Una richiesta che non sembrerebbe così scontata, visto che, se la Polverini sembra appoggiare un eventuale slittamento, il premier Silvio Berlusconi non sembrerebbe essere d'accordo con l'ipotesi. Anche per questo a livello nazionale sarebbero in atto pressioni su Sgarbi per non presentare tale richiesta.

LEDICHIARAZIONI DI SGARBI - Il sindaco di Salemi fa sapere che comunque chiederà il rinvio delle elezioni: “Ho 36 ore di tempo per presentare ricorso e lo farò. Montino non tema, la mia richiesta di rinvio verrà formalizzata al più presto. Il nostro ufficio legislativo è già al lavoro". A chi gli chiedeva se chiederà il rinvio anche se Berlusconi non sembrerebbe essere d'accordo, ha poi risposto: “Non tocca al premier decidere su questo. A meno che non siamo in un regime. E siccome io questo non lo credo, spero che almeno stavolta le regole verranno rispettate. Non hanno accettato una lista per un ritardo di mezz'ora, cosa peraltro ridicola e sbagliata, ora spero che mi concedano di recuperare il ritardo di 15 giorni che ho accumulato per colpa di un errore nel conteggio delle firme. Ho il diritto di fare campagna elettorale come tutti gli altri per il tempo previsto dalla legge e non intendo rinunciare a questo mio diritto".

LA REGIONE DISPONIBILE - Il vicepresidente della Regione Lazio, Esterino Montino, si è detto disponibile a rinviare il voto, concertandosi con il ministero degli interni. "A ora non c'é una formalizzazione. Quando questa ci sarà, bisognerà concertare con il governo: prima che io firmi il decreto c'é bisogno dell'intesa con l'esecutivo", ha detto il vicepresidente della Regione Lazio Esterino Montino. “Certo”, ha concluso Montino, rinviare il voto costa. C'é da rifare tutto e cominciare daccapo: un bello spreco”.


Matteo Scarlino
Ultima modifica il Mercoledì, 19 Aprile 2017 15:30