Mercoledì, 23 Gennaio 2013 02:21

Lazio, scatta la caccia ai seggi

Roma.Corriere.it-21/01/2013 Roma.Corriere.it-21/01/2013
Mercoledì, 23 Gennaio 2013 02:18

Elezioni Regionali 2013

Domenica, 20 Gennaio 2013 01:41

E' giunto il momento di andare "Oltre"


Ho scelto di candidarmi al Consiglio della Regione Lazio perché è giunto il momento di andare "Oltre" creando finalmente quel collegamento che fino ad oggi è mancato tra la politica regionale, il territorio e i problemi quotidiani della persone. Sono convinto che ricominciare è possibile e per questo metto a disposizione dei cittadini del Lazio la mia esperienza di amministratore pubblico per superare le difficoltà che caratterizzano questo momento storico. La Regione Lazio, in particolare, ha bisogno di una sana, corretta ed efficace politica del fare, recuperando i ritardi e superando gli scandali che hanno rallentato la sua crescita. Andare “oltre” significa farsi interprete della parte nuova. Quella maggioranza di cittadini ai quali sino ad oggi è mancata la voce e che non sono stati rappresentati.
Venerdì, 13 Luglio 2012 12:25

"ANCHE MARINO NON LI ABBANDONA"

Paconline, 12 Luglio 2012
n125887454108603_68031.jpgAl via la campagna di sensibilizzazione sulla pratica dell’abbandono dei cani «Non abbandonarlo, lui non lo farebbe mai» è il nome della campagna di sensibilizzazione e di educazione civica contro l’abbandono dei cani, che il sindaco Adriano Palozzi con il delegato alle Politiche e Diritti degli AnimaliStefano Cecchi, presidente del Consiglio Comunale, hanno lanciato dal sito istituzionalewww​.comune​.marino​.rm​.it. E’ dedicata ai piccoli amici a 4 zampe a rischio abbandono e randagismo, soprattutto nei mesi estivi. «L’iniziativa di sensibilizzazione contro la triste pratica dell’abbandono degli animali di affezione – spiega il sindaco Palozzi – è stata promossa dal Comune di Marino in adesione e sostegno alla campagna avviata a livello nazionale. Per fare in modo che, grazie alla massima informazione e al coinvolgimento, si possa arrivare a toccare la sensibilità della collettività in merito ad una pratica dai tratti incivili attivata tutto l’anno e soprattutto nei mesi estivi, disciplinata dall’articolo 727 dal codice penale». «Un animale, specialmente se abituato a vivere in casa – aggiunge Stefano Cecchi — in caso di abbandono viene esposto a gravi sofferenze che possono arrivare fino alla morte per mancanza di affetto, cibo, incidenti stradali o per l’incapacità di muoversi in un ambiente a lui sconosciuto e pericolso come la città. Abbandonare un cane abituato all’affetto della famiglia in cui vive – sottolinea – significa condannarlo, con la certezza che lui non farebbe mai la stessa cosa». «Il Comune di Marino – aggiungono Cecchi e Palozzi – nelle sue politiche volte alle difesa dei diritti degli animali, è stato il primo ad adottare il regolamento per la tutela e la detenzione degli stessi, attivando iniziative specifiche volte ad arginare il fenomeno del randagismo e, negli anni, sviluppando azioni e interventi finalizzati all’adozione, andando così a ridurre il risvolto economico connesso al mantenimento ad vitam degli animali randagi ospitati nei canili». «Auspico – conclude Palozzi - che anche i Comuni limitrofi, prendendo spunto dalle nostre iniziative, possano interessarsi in modo ancora più attivo al problema del randagismo. Questo – sottolinea – per dar vita ad un rapporto di lavoro intenso e collaborativo indirizzato ad arginare il fenomeno dell’abbandono e del conseguente randagismo all’interno del comprensorio  dei Castelli Romani».
adiano_p.jpgIl Mamilio Territorio 3 Maggio 2012 - VOLLEY  MEMORIAL
 
Tantissimi i partecipanti ad una bella giornata di allegria A Frattocchie la bella giornata di pallavolo nel ricordo della giovane Francesca Magistri scomparsa nel '95 a cura della redazione attualità MARINO (03/05/12 - ore 16.15) - Oltre 700 persone tra mamme e papà, nonni e zii, ragazzi e bambini in tenuta sportiva, palla alla mano e voglia di testimoniare la gioia di esserci, hanno preso parte il 1° maggio alla «Festa di Primavera, un sorriso per Francesca» manifestazione benefica patrocinata dal Comune di Marino e organizzata dalla famiglia Magistri di Frattocchie in ricordo della giovane figlia, giocatrice di pallavolo e allenatrice del G.S. Frattocchie, venuta a mancare nel ’95 a 21 anni per una neoplasia del sangue. Tenuta nell’oratorio della chiesa di San Giuseppe di via Cardinal Pizzardo la giornata della famiglia, giunta alla sua 17^ edizione, ha visto la presenza del mondo pallavolista tuscolano e non solo che quest’anno ha portato a Frattocchie le società sportive Marino Pallavolo, capofila del progetto, P.C. Città di Albano, Volley Albalonga, Libertas Ariccia, Pallavolo Pomezia, Città di Frascati, Sant’Anna di Morena e Sporting Pavona.

Paconline.it, 14 Aprile 2012
adri_e_areoporto.jpgIL COMUNE DI MARINO RISPONDE AL COMITATO PER LA RIDUZIONE DELL’IMPATTO AMBIENTALE DELL’AEROPORTO DI CIAMPINO SULLA QUESTIONE DELLA DIFFIDA RITENENDOLA PRIVA DI PREGIO E INOPPORTUNA. Il sindaco Adriano Palozzi: “Non c’è motivo di dubitare della nostra buona fede: con Ciampino restiamo in sintonia e continueremo a chiedere con insistenza la riduzione del numero dei voli dall’aeroscalo”. In seguito alla lettera con la quale il Comitato per la Riduzione dell’Impatto Ambientale dell’Aeroporto di Ciampino ha diffidato i sindaci di Marino e Ciampino dall’accettare, proporre o comunque favorire qualsiasi iniziativa di delocalizzazione degli abitanti delle aree colpite dall’inquinamento aeroportuale, è intervenuto l’assessore all’Ambiente del Comune di Marino, Remo Pisani, che ha voluto precisare quanto segue: “Con riferimento alla nota prot. n. 15632 pervenuta in data 28 marzo 2012, con stupore prendiamo atto della diffida avanzata dal Comitato per la Riduzione dell’Impatto Ambientale dell’Aeroporto di Ciampino, circa la possibilità che l’Amministrazione Comunale di Marino, e in particolare l’Assessorato all’Ambiente, possa accettare e/​o sottoscrivere qualsiasi accordo tale da mettere in discussione o ledere la salute dei cittadini. Abbiamo preparato – conclude l’assessore – un ulteriore atto legale che, una volta visionato e condiviso dall’ufficio legale del Comune di Ciampino, presenteremo all’autorità giudiziaria di competenza”. “E’ bene precisare – fa sapere il sindaco Adriano Palozzi – come il nostro ente non abbia mai sostenuto alcuna forma di delocalizzazione degli abitanti interessati e sottolineiamo come il Comune di Marino sia, in tema di inquinamento ambientale, promotore di iniziative volte a denunciare ogni abuso sulla tutela del diritto alla salute dei cittadini e assolutamente contrario a un utilizzo sconsiderato dell’aeroporto di Ciampino. Alla luce di questo le preoccupazioni espresse non solo appaiono prive di pregio ma del tutto immotivate. La posizione della nostra Amministrazione Comunale come quella del Comune di Ciampino rimane la stessa e invariata. Noto con piacere che le intenzioni dell’amico e collega Lupi sono le stesse del suo predecessore, e che le due Amministrazioni continuano a mantenere le medesime convinzioni, e ci auguriamo che anche il X° Municipio di Roma possa continuare a viaggiare nella direzione univoca di una
riduzione del numero dei voli dallo scalo del Pastine”.
Venerdì, 06 Aprile 2012 13:54

Lavagne interattive alla "Pertini" di Marino

Castellinews, 31 Marzo 2012
foto_classe.jpgGrazie ad un contributo di Fondazione Roma
Sette in totale Palozzi: «La multimedialità ad uso didattico è uno strumento di innovazione straordinario per le scuole»

Redazione Lavagne interattive alla "Pertini" di Marino Pubblicità (Marino - Attualità) - Sette lavagne interattive multimediali nelle classi quarte e quinte della scuola primaria "Sandro Pertini" di Marino con ampliamento delle postazioni di lavoro del laboratorio informatico ad uso di tutti gli studenti che frequentano la scuola. È quanto a disposizione dell'istituto scolastico di via Rosa Venerini, destinatario di una iniziativa della "Fondazione Roma" che, indirizzata a favorire nelle scuole un rinnovamento tecnologico in ambito didattico, ha disposto l'erogazione di fondi destinati all'acquisto di attrezzature informatiche e audiovisive e alla creazione di aule multimediali. I ragazzi possono così usufruire dei nuovi dispositivi elettronici, dalle dimensioni simili alle vecchie lavagne in ardesia, utilizzandoli per gran parte della giornata e per tutte le materie. Con schede didattiche già pronte, gli alunni operano a livello interattivo toccando lo schermo con un oggetto o semplicemente con le dita. Collegata ad un Pc, la Lim consente di lavorare in internet, scrivere, gestire immagini, riprodurre file video, svolgere interrogazioni, presentare studi ed elaborati prodotti dagli studenti. «La strumentazione a disposizione dei nostri ragazzi – dice il dirigente scolastico Teresa Di Monaco – rientra nel contesto di un progetto di innovazione tecnologica della scuola primaria avviato da Fondazione Roma.
Castellinews 02 Aprile 2012
adiano_p.jpgPresente sul sito istituzionale del Comune di Marino

Del 23 marzo Con un'indicazione a prevenzione degli effetti del favismo che disciplina le modalità di coltivazione di fave e piselli quando questa avvenga in prossimità del centro abitato Redazione Palozzi emana ordinanza a tutela dei cittadini fabici Pubblicità (Marino - Attualità) - È presente sul sito istituzionale del Comune di Marino, nella sezione Notizie al Cittadino e sotto la voce Ordinanze del comparto riservato all'E-Gov, la disposizione sindacale 14753 del 23 marzo 2012, tramite la quale il sindaco Adriano Palozzi, interviene a tutela della salute dei cittadini fabici, con un'indicazione a prevenzione degli effetti del favismo che disciplina le modalità di coltivazione di fave e piselli quando questa avvenga in prossimità del centro abitato. Considerando il favismo determinato da un'alterazione genetica che nei cittadini predisposti può originare, in presenza di polline, fiori, piante e baccelli di fave una crisi emolitica (rottura di globuli rossi) con una sintomatologia progressiva con effetti astenici fino al coma e all'arresto cardiaco e che il fenomeno dell'inalazione può avvenire vicino ad aree di produzione delle fave, il Sindaco predispone il divieto tassativo di coltivazione di fave e piselli nel raggio di 300 metri in linea d'aria in prossimità del centro abitato.
Pagina 20 di 40