Agenzia: ITALPRESS REGION
REGIONALI: STORACE "ZINGARETTI? PUÒ IMMAGINARE DI PERDERE"

ROMA (ITALPRESS) - Il centrodestra del Lazio unito contro Nicola Zingaretti, candidato dello schieramento opposto, alle prossime elezione regionali. L'occasione per gli attacchi diretti all'ex presidente della Provincia e' la presentazione della candidatura di Adriano Palozzi al consiglio regionale. "Sono convinta che nella solitudine del candidato del Pd un grande popolo di centrodestra si puo' ritrovare tutto insieme per combattere una battaglia difficile ma possibile", ha detto per prima la presidente uscente della Regione Lazio, Renata Polverini, aprendo le danze. Poi tocca a Maurizio Gasparri, capogruppo al Senato del Pdl, affondare il colpo: "A Zingaretti diciamo che non deve considerare acquisito il successo, perche' conteranno i voti della loro sconfitta quando con Storace si vedra' la concretezza del centrodestra e la nullita' del centrosinistra. Zingaretti non ha nulla da dire e offrire a questo territorio e si dimost rera' il fallimento della sua giunta e della sua politica". Ultimo a dare la stoccata finale e' stato Francesco Storace: "Dobbiamo vincere perche' non ci sto a darla vinta alla sinistra che ha dato troppo spazio all'immaginazione. Zingaretti potra' immaginare di perdere, immaginare di trasferirsi all'opposizione e rispondere alle accuse che riguardano lui - proseguendo -. Noi non abbiamo bisogno di comprare palazzi caro Zingaretti, per un ente in via di scioglimento, non sperpereremo 280 milioni per un ente che sta per chiudere. Ci sono cose che potremmo raccontare se prima o poi Zingaretti accettera' un dibattito faccia a faccia", ribadisce Storace.(ITALPRESS).mac/dp/red26-Gen-13 13:57NNNN




COTRAL SPA, PALOZZI: "IN UN SOLO ANNO E MEZZO APPROVATO PIANO INDUSTRIALE, MACROSTRUTTURA, BUDGET E RIDUZIONE SPESE"

 

La presidenza di Adriano Palozzi si è conclusa, nella giornata di giovedì 24 gennaio 2013, con un Cda che ha portato all'approvazione del Piano industriale, della macrostruttura e del budget aziendale e, in generale, una sensibile riduzione delle spese. Si tratta di deliberazioni decisive e fondamentali per il risanamento dell'Azienda, fortemente volute del presidente Adriano Palozzi e dall'intero Cda che hanno inteso creare basi solide e concrete per il futuro della Cotral Spa, dando nel contempo risposte altrettanto chiare e tangibili a quanti in queste ore stanno rilasciando dichiarazioni sul fantasioso "nominificio" che si sarebbe consumato ai danni dell'Azienda e dei contribuenti.

"Con il mio arrivo in Cotral ė stato firmato il nuovo Contratto di servizio e ieri, dopo un anno e mezzo di lavoro intenso e impegnativo, siamo giunti all'approvazione del Piano industriale che consentirà il pareggio nel prossimo Bilancio, della macrostruttura che riorganizza il personale, del budget aziendale che consente stabilità. Tutto ciò mi permette di dimostrare con i fatti che in Cotral Spa ho svolto il mio dovere con perizia e lontano da qualsiasi interesse personale - dichiara Palozzi -, riuscendo a ottenere risultati che le passate gestioni di sinistra non hanno tentato neanche di raggiungere, impegnate com'era evidentemente a organizzare quel nominificio che io stesso ho riscontrato nella mia permanenza in Cotral. Francamente, trovo anche paradossale oggi dovere perdere tempo a smentire personaggi di secondo piano che confondono per clientelismo elettorale l'assunzione di importanti decisioni, anche in merito alla copertura di figure professionali indispensabili per il regolare funzionamento dell'Azienda. Capisco che avere scritto una pagina tanto inedita quanto positiva della storia di Cotral Spa può dare fastidio, ma è giunto il momento di comprendere che politica e amministrazione possono fare rima soltanto con i risultati, esattamente quelli che il Cda da me presieduto ha raggiunto in un solo anno e mezzo. Spero che l'amministratore delegato e gli altri membri del Cda, nel ringraziarli del lavoro svolto, possano proseguire sulla strada che abbiamo intrapreso che dimostra che è possibile garantire l'inhouse per l'intera durata (fino a 20 anni) e quindi l'unicità e il carattere pubblico dell'azienda. Rivolgo un ringraziamento particolare, infine, a tutti i dipendenti, amministrativi, autisti e manutentori che ho potuto apprezzare per le loro qualità umane e professionali".

Mercoledì, 23 Gennaio 2013 02:21

Lazio, scatta la caccia ai seggi

Roma.Corriere.it-21/01/2013 Roma.Corriere.it-21/01/2013
Mercoledì, 23 Gennaio 2013 02:18

Elezioni Regionali 2013

Domenica, 20 Gennaio 2013 01:41

E' giunto il momento di andare "Oltre"


Ho scelto di candidarmi al Consiglio della Regione Lazio perché è giunto il momento di andare "Oltre" creando finalmente quel collegamento che fino ad oggi è mancato tra la politica regionale, il territorio e i problemi quotidiani della persone. Sono convinto che ricominciare è possibile e per questo metto a disposizione dei cittadini del Lazio la mia esperienza di amministratore pubblico per superare le difficoltà che caratterizzano questo momento storico. La Regione Lazio, in particolare, ha bisogno di una sana, corretta ed efficace politica del fare, recuperando i ritardi e superando gli scandali che hanno rallentato la sua crescita. Andare “oltre” significa farsi interprete della parte nuova. Quella maggioranza di cittadini ai quali sino ad oggi è mancata la voce e che non sono stati rappresentati.
Venerdì, 13 Luglio 2012 12:25

"ANCHE MARINO NON LI ABBANDONA"

Paconline, 12 Luglio 2012
n125887454108603_68031.jpgAl via la campagna di sensibilizzazione sulla pratica dell’abbandono dei cani «Non abbandonarlo, lui non lo farebbe mai» è il nome della campagna di sensibilizzazione e di educazione civica contro l’abbandono dei cani, che il sindaco Adriano Palozzi con il delegato alle Politiche e Diritti degli AnimaliStefano Cecchi, presidente del Consiglio Comunale, hanno lanciato dal sito istituzionalewww​.comune​.marino​.rm​.it. E’ dedicata ai piccoli amici a 4 zampe a rischio abbandono e randagismo, soprattutto nei mesi estivi. «L’iniziativa di sensibilizzazione contro la triste pratica dell’abbandono degli animali di affezione – spiega il sindaco Palozzi – è stata promossa dal Comune di Marino in adesione e sostegno alla campagna avviata a livello nazionale. Per fare in modo che, grazie alla massima informazione e al coinvolgimento, si possa arrivare a toccare la sensibilità della collettività in merito ad una pratica dai tratti incivili attivata tutto l’anno e soprattutto nei mesi estivi, disciplinata dall’articolo 727 dal codice penale». «Un animale, specialmente se abituato a vivere in casa – aggiunge Stefano Cecchi — in caso di abbandono viene esposto a gravi sofferenze che possono arrivare fino alla morte per mancanza di affetto, cibo, incidenti stradali o per l’incapacità di muoversi in un ambiente a lui sconosciuto e pericolso come la città. Abbandonare un cane abituato all’affetto della famiglia in cui vive – sottolinea – significa condannarlo, con la certezza che lui non farebbe mai la stessa cosa». «Il Comune di Marino – aggiungono Cecchi e Palozzi – nelle sue politiche volte alle difesa dei diritti degli animali, è stato il primo ad adottare il regolamento per la tutela e la detenzione degli stessi, attivando iniziative specifiche volte ad arginare il fenomeno del randagismo e, negli anni, sviluppando azioni e interventi finalizzati all’adozione, andando così a ridurre il risvolto economico connesso al mantenimento ad vitam degli animali randagi ospitati nei canili». «Auspico – conclude Palozzi - che anche i Comuni limitrofi, prendendo spunto dalle nostre iniziative, possano interessarsi in modo ancora più attivo al problema del randagismo. Questo – sottolinea – per dar vita ad un rapporto di lavoro intenso e collaborativo indirizzato ad arginare il fenomeno dell’abbandono e del conseguente randagismo all’interno del comprensorio  dei Castelli Romani».
adiano_p.jpgIl Mamilio Territorio 3 Maggio 2012 - VOLLEY  MEMORIAL
 
Tantissimi i partecipanti ad una bella giornata di allegria A Frattocchie la bella giornata di pallavolo nel ricordo della giovane Francesca Magistri scomparsa nel '95 a cura della redazione attualità MARINO (03/05/12 - ore 16.15) - Oltre 700 persone tra mamme e papà, nonni e zii, ragazzi e bambini in tenuta sportiva, palla alla mano e voglia di testimoniare la gioia di esserci, hanno preso parte il 1° maggio alla «Festa di Primavera, un sorriso per Francesca» manifestazione benefica patrocinata dal Comune di Marino e organizzata dalla famiglia Magistri di Frattocchie in ricordo della giovane figlia, giocatrice di pallavolo e allenatrice del G.S. Frattocchie, venuta a mancare nel ’95 a 21 anni per una neoplasia del sangue. Tenuta nell’oratorio della chiesa di San Giuseppe di via Cardinal Pizzardo la giornata della famiglia, giunta alla sua 17^ edizione, ha visto la presenza del mondo pallavolista tuscolano e non solo che quest’anno ha portato a Frattocchie le società sportive Marino Pallavolo, capofila del progetto, P.C. Città di Albano, Volley Albalonga, Libertas Ariccia, Pallavolo Pomezia, Città di Frascati, Sant’Anna di Morena e Sporting Pavona.

Paconline.it, 14 Aprile 2012
adri_e_areoporto.jpgIL COMUNE DI MARINO RISPONDE AL COMITATO PER LA RIDUZIONE DELL’IMPATTO AMBIENTALE DELL’AEROPORTO DI CIAMPINO SULLA QUESTIONE DELLA DIFFIDA RITENENDOLA PRIVA DI PREGIO E INOPPORTUNA. Il sindaco Adriano Palozzi: “Non c’è motivo di dubitare della nostra buona fede: con Ciampino restiamo in sintonia e continueremo a chiedere con insistenza la riduzione del numero dei voli dall’aeroscalo”. In seguito alla lettera con la quale il Comitato per la Riduzione dell’Impatto Ambientale dell’Aeroporto di Ciampino ha diffidato i sindaci di Marino e Ciampino dall’accettare, proporre o comunque favorire qualsiasi iniziativa di delocalizzazione degli abitanti delle aree colpite dall’inquinamento aeroportuale, è intervenuto l’assessore all’Ambiente del Comune di Marino, Remo Pisani, che ha voluto precisare quanto segue: “Con riferimento alla nota prot. n. 15632 pervenuta in data 28 marzo 2012, con stupore prendiamo atto della diffida avanzata dal Comitato per la Riduzione dell’Impatto Ambientale dell’Aeroporto di Ciampino, circa la possibilità che l’Amministrazione Comunale di Marino, e in particolare l’Assessorato all’Ambiente, possa accettare e/​o sottoscrivere qualsiasi accordo tale da mettere in discussione o ledere la salute dei cittadini. Abbiamo preparato – conclude l’assessore – un ulteriore atto legale che, una volta visionato e condiviso dall’ufficio legale del Comune di Ciampino, presenteremo all’autorità giudiziaria di competenza”. “E’ bene precisare – fa sapere il sindaco Adriano Palozzi – come il nostro ente non abbia mai sostenuto alcuna forma di delocalizzazione degli abitanti interessati e sottolineiamo come il Comune di Marino sia, in tema di inquinamento ambientale, promotore di iniziative volte a denunciare ogni abuso sulla tutela del diritto alla salute dei cittadini e assolutamente contrario a un utilizzo sconsiderato dell’aeroporto di Ciampino. Alla luce di questo le preoccupazioni espresse non solo appaiono prive di pregio ma del tutto immotivate. La posizione della nostra Amministrazione Comunale come quella del Comune di Ciampino rimane la stessa e invariata. Noto con piacere che le intenzioni dell’amico e collega Lupi sono le stesse del suo predecessore, e che le due Amministrazioni continuano a mantenere le medesime convinzioni, e ci auguriamo che anche il X° Municipio di Roma possa continuare a viaggiare nella direzione univoca di una
riduzione del numero dei voli dallo scalo del Pastine”.
Pagina 17 di 37